Sky Explorer

Sky runner per sei Parchi

UNO SKY RUNNER PER SEI PARCHI

parchi1

L’INIZIATIVA | L’ITINERARIO | IL DIARIO | LO STAFF | LE FOTO

L’iniziativa
grey line

Cartina del percorso

ven.2

Un percorso emozionante, alla scoperta dei più bei Parchi naturali da Venezia al Passo dello Stelvio

Nel luglio 2002, Norberto ha aperto la via dei sei Parchi con un’impresa davvero unica nel suo genere. Ha percorso ben 450 Km in 14 giorni, da Venezia al Passo dello Stelvio, attraverso sei tra i più bei Parchi Nazionali italiani: Parco Regionale dei Colli Euganei, Parco Adamello Brenta, Parco Colli Berici, Parco Naturale Regionale della Lessinia, Parco Regionale dello Stelvio, Parco Monte Baldo, riserva naturale Gardesana orientale. Al di là della prestigiosa impresa sportiva, vale la pena conoscere l’itinerario: un’idea per chi vuole passeggiare, correre o fare sport tra natura e bellezze culturali.

Caratteristiche tecniche:

• Atleta: Salmaso Norberto (Sky Runner)
• Durata:10/14giorni
• Periodo: luglio 2002
• Lunghezza: 450 km
• Abbigliamento: sky runner in autosufficienza
• Tappa giornaliera: 50 km circa
• Caratteristiche itinerario: piste ciclabili, sentieri dei sei parchi

L’INIZIATIVA | L’ITINERARIO | IL DIARIO | LO STAFF | LE FOTO

L’itinerario
grey line

Partenza: 1 luglio 2002, Venezia slm 0
1. Mira
2. Fiesso d’Artico
3. Dolo
4. Strà
5. Noventa Padovana
6. Padova

2 luglio 2002, Abano Terme slm 15
1. Torreglia
2. Teolo
3. Carbonara di Rovolon
4. Ponte e Barbarano

3 luglio 2002, Brendola slm 50
1. Montebello Vicentino
2. S. Giovanni Larione

4 luglio 2002, Tregnago  slm 317
1. Grezzana

5 luglio 2002, Negrar  slm 190
1. Molina
2. Breonio
3. Rivalta
4. Brentino Belluno
5. Spiazzi

6 luglio 2002, Ferrara di Montebaldo   
1. Parco del Baldo
2. Rifugio del Telegrafo

7 luglio 2002, Rifugio Telegrafo
1. Alta via del Baldo
2. Torbole

8 luglio 2002, Torbole – Riva del Garda
1. Arco
2. Comano Terme

9 luglio 2002, S. Lorenzo in Banale sml 2400
1. Rifugio Grostè

10 luglio 2002, slm 2200
1. Rifugio Peller

11 luglio 2002, Dimaro slm 777
1. Gogolo di Peio
2. Peio

12 luglio 2002, Passo Gavia
1. S. Caterina Valfurva

13 luglio 2002, Bormio

Arrivo: 14 luglio 2002, Passo dello Stelvio Slm 2757

L’INIZIATIVA | L’ITINERARIO | IL DIARIO | LO STAFF | LE FOTO

Il diario
grey line

Lunedi’ 1 luglio 2002 – ore 11

VENEZIA – PARCO DEI COLLI EUGANEI 
Partenza da piazza S.Marco a Venezia, con simbolica raccolta di un’ampolla d’acqua di mare che sarà portata lungo il percorso e consegnata alle guide del parco nazionale al passo dello Stelvio. Percorso stradale Porto Marghera – Malcontenta, Riviera del Brenta, Strà, (Villa Pisani, la più gran villa della Riviera) pista ciclabile del canale Piovego fino a Padova con numerosi i suoi monumenti e opere d’arte. Benedizione dell’ampolla di acqua di mare e incontro con i ragazzi del Messaggero alla Basilica del Santo (ore 17,00 circa). Si prosegue per ciclabile lungo il canale di Battaglia. Si giunge ad Abano (ore 18,00 circa) stazione di cura e soggiorno internazionale: incontro con le autorità del parco Colli Euganei che interessano 15 comuni dell’area collinare termale.

Lunedi’ 2 luglio 2002 – ore 9

COLLI EUGANEI – COLLI BERICI
Si riprende il percorso lungo il sentiero escursionistico dall’Abbazia di Praglia (famosa per il laboratorio del restauro del libro). Si prosegue per Tramonte, Torreglia, Luvigliano, Rocca Pendice si giunge a Teolo (luogo natale di Tito Livio). Si allunga per la chiesetta di S.Antonio Abbate e sempre per sentiero a Carbonara (così chiamata per l’antica lavorazione del carbone), frazione del comune di Rovolon sotto il Monte della Madonna, al confine con la provincia di Padova e Vicenza, punto di passaggio verso le colline di Albettone. Si giunge a Ponte di Barbarano per strade interne, poi a Barbarano Vicentino punto di accesso ai Colli Berici (rilievo collinare posto a meridione della città di Vicenza), di particolare interesse naturale, archeologico, storico e artistico. Si percorrerà il sentiero escursionistico di attraversamento dei Colli Berici: Barbarano, Zovencedo, Brendola (ore 20,00 circa). Quest’ultimo paese si affaccia sulla piana di Montecchio e Montebello Vicentino.

Lunedi’ 3 luglio 2002 – ore 9

COLLI BERICI – PARCO DELLA LESSINIA
Per strade pianeggianti interne ,lasciati i Colli Berici si giunge a Montebello Vicentino, punto di unione con i Lessini, poi per strade sentieri e piccoli borghi si giunge a monte Calvarina da dove si prosegue per la dorsale delle Cinque Valli (Illasi, Mezzane, Di Squaranto, Valpantena, Valpolicella) per gingere a Tegnago, (ore 18,00) centro della bassa Valle d’Illasi.

Lunedi’ 4 luglio 2002 – ore 9

COLLI BERICI – PARCO DELLA LESSINIA
Si prosegue per il sentiero della dorsale sino al Colle di S. Vito. A Grezzana Montecchio si incrocia il Sentiero Europeo n. 5, per giungere poi a Negrar. uno dei maggiori centri della Valpolicella, in cui prevediamo il pernottamento.

Lunedi’ 5 luglio 2002 – ore 9

PARCO DELLA LESSINIA – PARCO DEL BALDO (Gardesana Orientale)
Attraverso il sentiero della dorsale, si raggiunge Molina, famosa per le cascate, poi Breonio da cui si scende sulla valle dell’Adige a Peri. Dal Comune di Brentino, si prende la via del Santuario della Madonna della Corona, posto sotto uno strapiombo roccioso, in località Spiazzi.

Lunedi’ 6 luglio 2002 – ore 9

PARCO DEL BALDO – RIFUGIO TELEGRAFO
Il sentiero a lunga percorrenza che abbiamo programmato va dal comune di Spiazzi alla Pozza dei Pastori, passando per Ferrara di Monte Baldo da cui si può godere una bella vista dei Monti Lessini, della Pianura Veneta, dei Colli Euganei. Da Pozza dei Pastori si sale arditamente al Rifugio Telegrafo (ore 17.00) e alla Cima omonima con grandioso panorama sul lago di Garda. L’area fa parte della riserva naturale integrale Selva Pezzi.

Lunedi’ 7 luglio 2002 – ore 9

ALTAVIA DEL BALDO – TORBOLE
Si prosegue per un sentiero a lungo tragitto dal Rifugio Telegrafo per Tratto Spino, punto di arrivo della funivia di Malcesine, (Rifugio Altissimo, da cui si può assistere ad uno splendido punto panoramico). Da qui percorriamo il Sentiero della pace fino a Nago, Torbole, graziosa località di soggiorno sul lago di Garda.

Lunedi’ 8 luglio 2002 – ore 9

TORBOLE – SAN LORENZO IN BANALE
Per strade interne e per sentieri, si giunge ad Arco (vivace cittadina), poi si giunge alle Terme di Comano, ove si attraversa il fiume Sarca per giungere a S. Lorenzo in Banale a 750 metri /sl (ore 18,00) conosciuto come punto base per interessanti escursioni sul Gruppo del Brenta.

Lunedi’ 9 luglio 2002 – ore 9

SAN LORENZO IN BANALE – RIFUGIO GROSTE’
Sentiero nella Val d’Ambiez, si giunge al Rifugio Cacciatore e per il sentiero Palmieri al Rifugio Pedrotti 2500m situato nel cuore del gruppo del Brenta. Da questo ultimo rifugio parte il famoso “Sentiero delle bocchette” sentiero orsi, che costeggiano la cima Brenta, al passo del Grostè (ore 18,00)e all’omonimo rifugio 2400m (arrivo della funivia da Madonna di Campiglio).

Lunedi’ 10 luglio 2002 – ore 9

RIFUGIO GROSTE’ – RIFUGIO PELLER
Nel corso di questa giornata si percorrerà il sentiero delle Palette con bei panorami  sulla valle del lago di Tovel fino al Rifugio Peller a 2000m/sl veduta della sottostante Val di Sole.

Lunedi’ 11 luglio 2002 – ore 9

RIFUGIO PELLER – DIMARO
Si giunge a Dimaro  in Val di Sole, centro di villeggiatura e sport invernali. A Dimaro-Folgarida è in programmazione, con la guida alpina Gianni Trepin, una serata di informazione e cultura sui Parchi Naturali attraversati nel corso dell’impresa.

Lunedi’ 12 luglio 2002 – ore 9

DIMARO – PASSO GAVIA
Si percorre la strada carrozzabile che costeggia il torrente Noce e per sentieri si passa per  Cogolo di Peio ove si trova il centro visitatori del parco per giungere a Peio (stazione termale a 1500m/sl): punto di partenza di interessanti escursioni naturalistiche (Lago di Pian Palù).  Per una ripida salita si prosegue per Passo di Sforzellina, si giunge al Rifugio Gavia a 2500 m/l  nella valle omonima.

Lunedi’ 13 luglio 2002 – ore 9

PASSO GAVIA – BORMIO
Attraverso la strada carozzabile e sentieri si prosegue fino a  Valfurva, Santa Caterina,  noto centro di villeggiatura, poi sino a Bormio sede della direzione del parco.

Lunedi’ 14 luglio 2002 – ore 9

BORMIO – PASSO DELLO STELVIO
Per la valle del Braulio si giunge in parte per rotabile e sentieri al mitico Passo dello Stelvio (ore 12,00). Al Passo  è previsto l’incontro con l’amministrazione del Parco, con le autorità, del Comune di Bormio, il Cai di Bormio, il CAI di Valfurva, e le guardie forestali per la consegna dei messaggi e dell’acqua del Mar Adriatico.

L’INIZIATIVA | L’ITINERARIO | IL DIARIO | LO STAFF | LE FOTO

Lo staff
grey line

Atleta Protagonista
Norberto Salmaso
Sky Runner, ex nazionale di atletica leggera, docente di Educazione Fisica, Sky Explorer, Quota 101.

• Medici Federazione Medico Sportiva Italiana F.M.S.I.
• C.A.I. di : Venezia, Padova, Bormio, Valfurva
• Federazione Italiana Amici della Bicicletta Padova
• Gianni Trepin, Guida Alpina
• Irene Zaino, Specialista in Comunicazioni
• Duca Antonino, Salmaso Michele, Vendramin Luigino

L’INIZIATIVA | L’ITINERARIO | IL DIARIO | LO STAFF | LE FOTO

Le fotogrey line

CONDIVIDI Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter