Sky Explorer

Cima d’Asta, Lagorai
1° Vertical Sky Explorer

Sky_explorer_cimadasta_018

L’avventura continua tra monti e valli, la nostra meta questa volta è Cima d’Asta, una spettacolare vetta di 2847 metri dalla particolare roccia granitica che si staglia sopra le cime in porfido della catena dei Lagorai.

Grazie alla sua posizione elevata costituisce un punto panoramico di eccezionale bellezza Lo sguardo può spaziare a 360 gradi su tutte le Dolomiti, ma soprattutto da qui è più facile capire perché il gruppo venga denominato Lagorai. Il paesaggio sottostante è caratterizzato dalla presenza di numerosi laghetti alpini di origine nevosa, detti laghi a circo per la loro forma sostanzialmente circolare. Se ne possono contare una ventina e oltre, dai più grandi ai meno importanti.

Sky_explorer_cimadasta_13

Sky_explorer_cimadasta_023

Si parte da Malga Sorgazza a quota 1450 metri, si percorre per un breve tratto la strada bianca e poi si scende nel bosco e si attraversa un ponte di legno sopra il torrente. Da qui sale il sentiero della Campagnassa, segnavia numero 386 che dopo circa 1000 metri di dislivello porta al Rifugio Brentari, dove alloggiamo. Fa freddo ma il tempo è bello.

Sky_explorer_cimadasta_002

Dopo una buonissima cena e una cordiale serata passata in allegra compagnia con tutti gli ospiti del rifugio, tra risate e barzellette ci corichiamo prima di mezzanotte, all’indomani ci aspetta un altra ricca giornata di fatiche ed emozioni: il 1° Vertical Sky Explorer a Cima d’Asta.

Sky_explorer_cimadasta_017

Partenza del 1° Vertical Sky Explorer a Cima d’Asta.

Sky_explorer_cimadasta_021

Salita verso la cima.

Sky_explorer_cimadasta_016In vetta a 2847 metri.

Sky_explorer_cimadasta_020

Premiazioni per categoria.

Sky_explorer_cimadasta_022.jp

Dopo l’ascesa alla cima e una pausa per il pranzo, scendiamo verso valle attraverso la via normale, il sentiero numero 327 che inizia con dei lughi lastroni di pietra fino ad inoltrarsi nel bosco e poi arrivare in valle al parcheggio delle auto.

CONDIVIDI Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter